Letterina di Natale

AlberoNatale

Quand'ero bambino, mettevo una letterina sotto il piatto di mio padre, sulla tavola imbandita di Natale. Era il mio modo per augurargli buone feste, per mostrargli che sapevo scrivere in bella grafia e per ricevere in cambio un bacio ed un dono.

Sono passati sessant'anni da allora. Ora sono entrato nella categoria dei pensionati, ma continuo a fare qualcosa per l'interesse di tutti: sono presidente delle Biblioteche Padovane Associate. Non ricevo stipendio, neanche un rimborso spese, in compenso sono gratificato dalla stima che accompagna l'attività del Consorzio.

Le lettere di Natale, quest'anno sono diventate tre: la prima per il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei ministri, la seconda per il Presidente della Regione Veneto, la terza per il Presidente della Provincia di Padova.

... Sono lettere d'auguri e di richiesta. Dopo sessant'anni non chiedo né baci, né doni ma un'azione politica a favore dei cittadini, della cultura e delle biblioteche.

Auguri di buone feste a tutti i nostri soci, ai lettori, ai cittadini.

Il Presidente di BPA

Giovanni Ponchio

 

Lettera all'onorevole Angelo Rughetti, Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri

Lettera a Luca Zaia, Presidente della Regione del Veneto

Lettera a Enoch Soranzo, Presidente della Provincia di Padova

Questo sito utilizza i cookies per rendere possibile il corretto funzionamento del sito web. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookies.